Erchie, lì 30.12.2016

Gent.mo Sig. Sindaco
Giuseppe Margheriti

Gent.mo Sig.
Presidente del Consiglio Comunale di Erchie

Gent.mi Consiglieri di Maggioranza e di Opposizione
Trasmessa a mezzo pec ufficio protocollo Comune di Erchie


OGGETTO : Invito alla adozione di delibera di Consiglio Comunale di revoca in autotutela della delibera di approvazione della convenzione con Heracle srl adottata con delibera di consiglio comunale del 26.04.2016 regolante i rapporti tra il Comune di Erchie ed il gestore dell’impianto di compostaggio con digestione anaerobica e produzione di biogas da 80.000 t/a.


I sottoscritti cittadini di Erchie, nella loro qualità di attivisti del Movimento Cinque Stelle Erchie e del Meetup Movimento Cinque Stelle Erchie, alla luce delle dichiarazioni resa dall’Ill.mo Sindaco di Erchie in pubblica piazza durante la manifestazione organizzata dal Comitato Cittadino per il No all’impianto di Compostaggio in data 26.12.2016, e video audio ripresa da Unione Giovani Italiani visionabile da chiunque sul profilo di erchieonline su Youtube, nonché alla luce del contenuto del ricorso al Tar Lecce promosso da Heracle srl c/Comune di Erchie, rappresentano:
Il Consiglio Comunale in data 26.04.2016 ha approvato la convenzione, meglio specificata in oggetto, che disciplina i rapporti tra l’Ente e il gestore privato dell’impianto, atto necessario e presupposto alla stessa AIA/VIA rilasciata dalla Provincia di Brindisi in favore di Gesteco e volturata in favore Heracle srl poi.
Che nella stessa convenzione, a pag. 1 lettera b, si legge “ ai sensi dell’art. 20 della predetta AIA, prima dell’avvio dei lavori per la realizzazione dell’impianto, deve essere sottoscritta tra il Gestore ed il Comune apposita convenzione disciplinante i rapporti tra Ente e la società medesima” (cfr. pag. 1 lett. B convenzione), con ciò dando atto che detta convenzione costituiva e costituisce presupposto indefettibile per l’avvio dei lavori e, quindi, condizione di efficacia della stessa AIA/VIA, con la logica conseguenza che in assenza di una convenzione sottoscritta tra Comune ed Heracle srl, quest’ultima non potrà mai dare inizio ai lavori di costruzioni dell’impianto.
Che, ancora, nella medesima convenzione si legge “ il Comune impegna la società Heracle srl alla formulazione di richieste ed ogni altro atto utile alla modifica dell’AIA esistente nella parte relativa alla conversione dei codici CER riferiti ai fanghi di depurazione in FORSU da raccolta differenziata” (cfr. pag.3 penultimo capoverso convenzione Comune di Erchie – Heracle), ma ad oggi, pur avendo Heracle srl presentato alla Provincia di Brindisi richiesta di modifica non ha provveduto a convocare apposita Conferenza dei Servizi come indicato dalla Provincia di Brindisi. Alla luce di dette considerazioni, la suddetta convenzione approvata dal Consiglio Comunale in data 26.04.2016, pur essendo basata su una AIA/VIA che allo stato – in virtù di quanto indicato dalla Provincia di Brindisi con comunicazione del 16.06.2016 prot. 25641 - dovrà essere aggiornata, continua a costituire presupposto e condizione di efficacia della AIA/VIA essendo prevista al punto 20 delle prescrizioni come presupposto per l’inizio dei lavori.
Che nel ricorso notificato da Heracle srl si legge “basterebbe considerare – a tacere d’ogni altro aspetto – che l’efficacia dell’autorizzazione era condizionata alla preventiva stipula della convenzione deliberata da quest’ultimo solo in data 26.04.2016 (e cioè in data successiva al presunto realizzarsi del supposto effetto decadenziale) e stipulata il 4 maggio successivo” (cfr. pag 20 ricorso Heracle c/ Comune di Erchie), con ciò elevando al rango di presupposto per l’efficacia dell’AIA/VIA la convenzione sottoscritta con il Comune di Erchie che è tutt’ora vigente e che, alla luce di quanto rappresentato e di quanto in seguito si rammenterà, deve essere “revocata” in autotutela facendo cadere l’unico “lasciapassare” oggi in possesso di Heracle srl.
Ancora, che alla luce di quanto accaduto negli ultimi mesi, delle innumerevoli manifestazioni cui ha aderito la cittadinanza, in considerazione della raccolta di numero 3068 firme di cittadini di Erchie dichiaratisi contrari all’impianto, in considerazione della costituzione di un comitato cittadino per il No all’impianto di compostaggio, in considerazione delle pubbliche dichiarazioni (sia nelle piazze che in sede di consiglio comunale) con le quali il primo cittadino dichiara per sé e per la sua maggioranza di aver preso atto della volontà popolare che è contraria all’insediamento industriale sul territorio di Erchie e si impegna (va) a porre in essere tutte le azioni utili atte a contrastare la costruzione e la messa in esercizio dell’impianto progettato da Heracle srl (già Gesteco), si
chiede

che il Consiglio Comunale venga convocato con estrema urgenza e con all’ordine del giorno la revoca in autotutela della delibera adottata in data 26.04.2016 avente ad oggetto l’approvazione dello schema di convenzione con Heracle srl e la autorizzazione in favore del Sindaco alla sottoscrizione della convenzione (poi avvenuta in data 4.05.2016) eliminando ab origine il presupposto tutt’ora esistente per l’inizio dei lavori e per la stessa efficacia della AIA/VIA dichiarando la convenzione stipulata tra Heracle e il Comune di Erchie priva di effetti ed efficacia da considerarsi tamquam non esset.
Confidando che detta proposta di deliberazione venga presa nella debita e dovuta considerazione,

Con Osservanza

Meetup M5S Erchie

Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Visualizza istanza protocollata

News dal Blog...

Invalid or Broken rss link.

meetup200

decorourbano

Accesso Utenti